Arnica (Arnica montana)

Naturopata Dr. Guido Parente

L’Arnica Montana è endemica in Europa, dalla Penisola iberica alla Scandinavia e ai Carpazi.

 È assente dalle Isole Britanniche ed è relativamente rara in Italia.

Cresce in terreni poveri (pascoli magri, brughiere e torbiere alte) e silicei (substrato acido); in zone montane da 500 a 2500 m s.l.m., è assente in pianura.


Sta diventando rara soprattutto nelle regioni nordiche a causa dell’aumento delle coltivazioni intensive.


Questa pianta appartiene alla flora protetta.

Nella mia attività di Naturopata e Pranoterapeuta, in presenza di infiammazioni diversificate, di epicondiliti, tendiniti, sciatiche, la consiglio spesso in unione ai miei trattamenti vibrazionali.

Proprietà medicinali dell’arnica: antiflogistiche, antitraumatiche, analgesiche, antinevralgiche, antireumatiche, revulsive, stimolanti nervine.

 L’arnica trova largo impiego nella formulazione di prodotti per il massaggio sportivo e di cerotti ad azione antireumatica.


Le proprietà principali di questa pianta erbacea perenne sono:

  •   antiasmatiche,
  •   antinfiammatorie,
  •   analgesiche,
  •   antisettiche,
  •   cicatrizzanti,
  •   antinevralgiche,
  •   starnutatorie.

La tintura diluita si può usare esternamente per pomate e/o impacchi  per contusioni, distorsioni, ecchimosi, gonfiori, per reumatismi, come antireumatico.

Le compresse di Arnica agevolano processi antinfiammatori.

Da evitare il contatto in presenza di piaghe e ferite.

La Pranoterapia, serve a ricreare o a rivitalizzare l’energia curativa propria di ogni essere vivente, come fa l’omeopatia, dando al corpo umano la possibilità di reagire alla malattia, diminuendo infezioni, irritazioni, infiammazioni aiutando così il Sistema Immunitario a ristabilire l’omeostasi.  

©2015 Guido Parente. SIAE 2015. All rights reserved

Torna in alto